Teoria di funzionamento - Raffreddamento a circuito aperto

torre evaporativa Sfruttando un semplice principio naturale secondo il quale l’evaporazione forzata di una minima quantità d’acqua provoca un abbassamento della temperatura della massa d’acqua principale, il raffreddamento evaporativo rappresenta ancora oggi il sistema di raffreddamento più largamente utilizzato nel campo civile ed industriale.

Il limite minimo di temperatura teoricamente raggiungibile da una torre evaporativa è rappresentato dalla temperatura al bulbo umido dell’aria atmosferica misurata nella zona di installazione, che è solitamente di molto inferiore rispetto a quella del bulbo asciutto.

In realtà, per effetto di fattori di rendimento legati alla saturazione dell’aria, una torre adeguatamente dimensionata riesce a raffreddare l’acqua sino a temperature di appena 2-3°C sopra la temperatura al bulbo umido.

Su questa base molti impiantisti e costruttori di macchine dimensionano i circuiti di raffreddamento e gli scambiatori di calore, prevedendo già in origine l’utilizzo di acqua di torre e potendo quindi garantire rendimenti ottimali degli impianti e un consumo di energia ridottissimo.

2 risultati trovati (15 per pagina - 1 in totale)

Ordina risultati per:

PMS - TORRI EVAPORATIVE A CIRCUITO APERTO DA 18 A 860 KW

PMS - TORRI EVAPORATIVE A CIRCUITO APERTO DA 18 A 860 KW

Codice articolo:
1.PMS
MITA
Unità di misura:
PZ

Circuito aperto - PMS La serie PMS è una torre in vetroresina che viene proposta in impianti di piccole dimensioni, tutti i modelli della versione [...]

PME-E  TORRI EVAPORATIVE A CIRCUITO APERTO DA 860 KW A 2,6 MW

PME-E TORRI EVAPORATIVE A CIRCUITO APERTO DA 860 KW A 2,6 MW

Codice articolo:
2.PME
MITA
Unità di misura:
PZ

Circuito aperto - PME-E La serie PME-E viene proposta in impianti di medie/grandi dimensioni, tutti i modelli della versione K12 sono Certificati [...]

2 risultati trovati (15 per pagina - 1 in totale)

Cookie policy
^