Costi energetici e pressione aria compressa

Pubblicato il 23.02.2019

Come controllare i costi energetici associati all'aria compressa

Con i costi dell'elettricità in costante aumento, trovare i modi per ridurre le bollette non è mai stato così importante. L'aria compressa non è spesso considerata come costo effettivo e, se sei una Carpenteria, una Fonderia, una Azienda Alimentare o una Carrozzeria, l'aria compressa è fondamentale per il tuo processo produttivo. Esistono diversi modi per garantire il funzionamento di un sistema ad alta efficienza energetica e un'analisi approfondita del sistema di aria compressa esistente contribuirà notevolmente alla creazione di un sistema affidabile ed economico. In questo post consideriamo 5 aspetti che ti aiuteranno verso l'efficienza energetica ottimizzata dell'aria compressa.

Perché tutto ciò? Bene, in primo luogo perché l’aria compressa è la fonte di energia necessaria per la maggior parte delle vostre apparecchiature. L'impatto dell'aria compressa sul flusso di lavoro, sulla qualità del prodotto finito e sulle bollette energetiche può spesso essere trascurato. Ciò può comportare costose rilavorazioni a causa di una cattiva qualità dell'aria che influisce sul rendimento dei macchinari, le prestazioni e sui prodotti finiti, causando perdite reali in Euro in termini di costi di rilavorazione e bollette energetiche eccessive.

Tuttavia, la buona notizia è che, a differenza delle altre utility, hai il controllo completo sul tuo sistema di aria compressa!

 

1.    Non eccedere con la pressione : può essere abbastanza comune trovare compressori sovradimensionati in pressione, ad esempio nelle carrozzerie. Ciò è dovuto principalmente al fatto che spesso vengono utilizzati compressori a pistoni. Alla domanda, molte carrozzerie direbbero quindi che hanno bisogno di 10 o 12 bar. Tuttavia, non ci sono in realtà molti strumenti o utensili pneumatici che richiedono pressioni superiori a 7 bar. Tenete presente che i compressori a parità di potenza producono meno aria a una pressione più elevata e le perdite di aria compressa sono più frequenti con l'aumento della pressione.

 

2.  Non confondere pressione e volume : esiste in realtà una relazione inversa tra la pressione e il volume di aria erogata in un sistema di aria compressa. Gli utenti finali spesso si lamentano del fatto che non c'è abbastanza aria compressa e quindi aumentano la pressione impostata su un compressore per compensare. Questo, però, riduce il volume di aria erogata e aumenta di conseguenza il consumo di aria. Pertanto, l'aumento della pressione del sistema aumenterà la quantità di aria persa attraverso le perdite. Mentre ogni sistema ad aria compressa avrà perdite d'aria - purtroppo queste sono inevitabili - maggiore è la pressione del sistema, maggiore è il volume perso attraverso le perdite. Vale la pena ricordare che ogni 1 bar di aumento della pressione aumenta il consumo di energia del 10%.

 

    Nella maggior parte dei casi, la causa della mancanza di aria potrebbe essere dovuta a:

  • flusso inadeguato a causa di un compressore sottodimensionato,
  • prestazioni del compressore scadenti,
  • perdite o dimensioni del tubo insufficienti. 

    Se non si riceve abbastanza aria dal proprio sistema di aria compressa, prima di aumentare la pressione potrebbe valere la pena consultare uno specialista dell'aria compressa per determinare esattamente il motivo per cui si sta verificando.

 

3.    Determina i requisiti di flusso : la dimensione del compressore non è determinata dai requisiti di pressione ma dalla portata di aria compressa in metri cubi al minuto (mc /min) o litri al minuto (lt/min). Per garantire che il compressore sia dimensionato correttamente, è quindi necessario sapere quanta aria è richiesta in termini di volume e non di pressione. Il modo più preciso per ottenere questo risultato consiste nel registrare i dati del sistema dell'aria compressa esistente. Misurare e registrare l'utilizzo effettivo del compressore in un determinato periodo di tempo.

 

4.    Considerare il tipo di compressore : il compressore a pistone è ancora molto diffuso, soprattutto nelle potenze fino a 15 Kw. Mentre i compressori a pistoni possono fornire un flusso adeguato per un breve periodo, è necessario considerare il ciclo di lavoro ammissibile. Questo è la percentuale di tempo in cui un compressore funziona senza il rischio di surriscaldamento e causando un'usura eccessiva a un compressore. 
La maggior parte dei compressori a pistoni viene raffreddata ad aria e ha un ciclo di lavoro ammesso tra il 60 e il 70%. Pertanto, sono spesso sovradimensionati e funzionano su un ampio campo di pressione per consentire al compressore di spegnersi frequentemente e di raffreddarsi a causa delle temperature operative relativamente elevate (spesso 150-200 °
C).
Al contrario, i compressori rotativi a vite hanno un funzionamento continuo, sistemi di raffreddamento controllati termostaticamente che consentono un ciclo di lavoro del 100%, con temperature operative di soli 75 - 95 ° C.

Altro punto da prendere in considerazione: maggiore è la temperatura dell'aria compressa, maggiore è l'umidità che viene trasportata sotto forma di vapore attraverso il sistema, in generale, una diminuzione della temperatura di 7 ° C riduce della metà la percentuale di umidità, rendendo più facile il lavoro all’essiccatore.

 

5.      Considerare a lungo termine: prestazioni, affidabilità e manutenzione:  anche le prestazioni a lungo termine sono decisivi per i costi energetici, l'affidabilità e i requisiti di manutenzione del compressore sono considerazioni importanti da valutare con attenzione.
Ricordo che diversi tipi di compressori hanno requisiti di manutenzione e servizio diversi.

 

    Vuoi saperne di più su come ciascun componente di un sistema di aria compressa può influire sull'efficienza energetica complessiva e sulla qualità dell'aria prodotta? Desideri ulteriori suggerimenti su come garantire che il tuo sistema di aria compressa funzioni in modo affidabile ed efficiente?

 

     Contattaci al nr. 011 6611093  oppure compila il form sottostante:

Richiedi informazioni

Non hai trovato ciò che cerchi? Scrivici e richiedi quello che ti interessa sapere.

Ho letto ed accetto le condizioni della informativa privacy

Ultimi articoli
PointCookie policy
Ready Pro ecommerce
^